AndroidLab

Il Laboratorio Italiano Android e Google Chrome

È vero che già la scorsa settimana nel momento in cui era stato annunciato l’evento relativo ad Honeycomb ci si aspettava di ammirare le grandi performance di Android 3.0 e di vedere in azione il Motorola Xoom, è vero che grazie al rilascio della preview SDK di Android 3.0 avevamo potuto fare girare Honeycomb in emulazione, ma sicuramente la presentazione ufficiale di ieri sera è stato uno dei momenti più emozionanti dell’anno, per lo meno per gli appassionati e gli addetti ai lavori di Android


Interfaccia

honeycomb-homepage

Come già sapevamo Honeycomb è completamente ottimizzato per funzionare su dispositivi di tipo Tablet. La homescreen, nell’immagine sopra, si discosta dal layout di “grande telefono” visto su Galaxy tab, ma anche iPad e presenta un esperienza più adatta ad un Tablet. Ci sono icone più grandi, Widget più grandi ed in generale un uso migliore dello spazio disponibile sullo schermo. La presentazione di Google ha mostrato quanto sia fluida e perfetta l’integrazione con i Widget. Si nota inoltre come la componente estetica sia stata uno delle linee guida nello sviluppo di Android 3.0.

Un aspetto fondamentale che è possibile osservare è che Honeycomb sembra essere progettato con l’orientamento del display di tipo orizzontale come predefinito.
Questa scelta ha senso dal momento che la maggior parte dei siti web richiedono una larghezza di circa 1000 pixel per non essere ridimensionati.

Multitasking
honeycomb-multitasking

La gestione multipla delle applicazioni in esecuzione è stata tenuta in gran conto nello sviluppo di Honeycomb, infatti sulla sinistra dello schermo si possono visualizzare grandi anteprime dell app in esecuzione. La presentazione di ieri ci ha dimostrato che il multitasking è un fattore chiave per la buona riuscita di Tablet OS quale è Honeycomb.

L’ app Gmail

honeycomb-gmail

L’ applicazione Gmail è stata completamente ridisegnata ed ottimizzata per l’utilizzo su Tablet presentando adesso un layout di tipo multi-pane.

Notifiche

honeycomb-notifications

Google ha mostrato le nuove notifiche che sono graficamente accattivanti, grazia al maggiore spazio disponibile sui Tablet , le notifiche diventano mini Widget, permettendo un facile controllo di attività come la riproduzione di musica, le risposte alla chat e gli aggiornamenti sullo stato del sistema.

Il 3D
honeycomb-music

Durante la presentazione, Hugo Barra ha detto: ”Abbiamo speso molto tempo per ottimizzare le performance di Honeycomb, particolarmente nella grafica sia 2D che 3D”.  Honeycomb supporta l’accellerazione harware della grafica 2D e 3D. Un esempio di questa ottimizzazione grafica lo troviamo nel player musicale che presenta una raccolta di Album 3D a scorrimento di notevole pregio. Un grande miglioramento rispetto al player musicale Android sino alla versione 2.3

Video Chat

honeycomb-video-chat

Ulteriore caratteristica molto importate in Honeycomb è la possibilita di effettuare chiamate video native in Gtalk. Il protocollo video utilizzato in Google Talk aiuta a mostrare un video molto fluido ma contemporaneamente ad un richiesta di banda non eccessiva rendendo possibile la videochiamata Gtalk su banda 3G. Da notare inoltre che la videochiamate risulta molto più fruibile su uno schermo 10’’ rispetto ad uno schermo da 4’’ tipico di un moderno smartphone.

App CNN

cnn-tablet-app

Un rappresentante di CNN ha mostrato la propria applicazione sviluppata appositamente per Honeycomb che ha dato una grande dimostrazione delle possibilità future delle applicazioni tablet  per Android. L’applicazione CNNN è sembrata fantastica, mostrando un insieme senza soluzione di continuità di notizie  contenuti creati dagli utenti, foto e video.

Conclusioni

Sembra che Google abbia colpito nel segno con Honeycomb. Il sistema operativo è stato completamente ottimizzato per i Tablet e per i display da 10’’ e rappresenta un salto avanti notevole rispetto al concetto di Tablet come semplice “Grande Telefonino”.
Siamo certi che Honeycomb contribuirà significativamente a rendere i Tablet, dispositivi più adatti al grande pubblico piuttosto che semplici gadget di lusso.

Certo la prima generazione di tablet Android sarà costosa, ma nel giro di 12 mesi dovrebbero arrivare alternative più economiche.

Intanto noi ci prepariamo a mettere mano al portafoglio in attesa di poterle posare sul Motorola Xoom.

Michele Dipace

Admin di Androidlab e "Computer Addicted", ha cominciato la sua"carriera" nella metà degli anni 80 sui computer 8 bit Commodore e Sinclair passando poi al 16 bit Amiga, diventandone grande appassionato. Oggi Linux user, crede che Android sia il sistema operativo destinato ad emergere nel mercato della telefonia mobile.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusYouTube

Forum Android
Diventa un blogger, scrivi un articolo