AndroidLab

Il Laboratorio Italiano Android e Google Chrome

images_logo_lg Dopo nove anni di continua evoluzione Google Immagini ha una nuova veste che lo rende ancora più adulto, un connubio di efficienza e semplicità di utilizzo, in linea con le tendenze che oggigiorno il web richiede e quindi impatto visuale di forte rilievo.

Oltre 10 miliardi di immagini indicizzate tra volti, clip art, disegni al tratto e chi più ne ha più ne metta, passando attraverso la ricerca immagini per colore o per immagini simili un paio di anni fa che hanno sensibilmente migliorato il processo di ricerca immagini, si è arrivati a questa nuova veste molto piacevole da usare. Di seguito le migliorie apportate:

  • Nuovo layout – progettato per vedere molte più immagini contemporaneamente in modo da poter scegliere effettivamente l’immagine che fa al nostro caso.
  • Scorrimento istantaneo – progettato per non perdersi tra le varie pagine di immagini, ora è possibile ottenere 1000 immagini in un’ unica pagina
  • Ingrandimento delle immagini al passaggio del mouse
  • Livelli – una volta che scegliamo l’immagine di nostro gradimento, questa verrà aperta in una nuova scheda all’interno del sito che la ospita, ma con una novità: l’immagine è sopra il livello del sito che prima del clic appare oscurato. [vedi foto a fondo post]
  • Navigazione da tastiera (migliorata) scroll delle immagini migliorato per una maggiore precisione con la tastiera utilizzando i tasti page up/down.

Non prendetela come una fissazione personale, ma anche questa miglioria a mio parere, è stata pensata per migliorare la navigazione attraverso la Google Tv: che siano frecce e/o tasti di un telecomando, c’è ben poca differenza. 🙂

Novità anche per gli inserzionisti, infatti a Mountain View hanno lanciato un nuovo servizio denominato Image Search Ads, per maggiori informazioni su questo servizio basta leggere qui.

foto1

micho

Micho classe '83, grafico e webdesigner. La sua passione per l'informatica comincia da bambino con il suo Amstrad CPC 464 ed il ben più noto C64. Da allora non ha più finito di amarla. Si avvicina ad Android grazie al suo "guru" Kaffeine. E' stato anche speaker radiofonico. Ha una fissa per la musica anni '80.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Forum Android
Diventa un blogger, scrivi un articolo