AndroidLab

Il Laboratorio Italiano Android e Google Chrome

apple-vs-google_2 Quando Apple annunciò il suo nuovo S.O. in versione 4.0, vennero presentate tante nuove caratteristiche, tra le quali tutti ricorderanno il multitasking. Tuttavia molta meno attenzione è stata data a tante altre caratteristiche subdole, alle quali non è stata data una risposta.

img_0080 Ci si domanda se Apple consentirà, ad applicazioni di terze parti, di poter tenere sempre attiva la  "condivisione della posizione” come accade con Google Latitude.

A tal proposito è stato chiesto al senior product manager di Google: Steve Lee (che si occupa di Latitude), se tra le tante idee di sviluppo di latitude rientra quella di creare un’app nativa per iPhone.

La risposta di Steve è stata netta e decisa:

“Fin dall’inizio, abbiamo creato latitude per diverse piattaforme. Sostenere iPhone con una grande esperienza usando Latitude è estremamente importante per noi, e stiamo valutando come meglio poterci esprimerci ora su iPhone OS 4.0, quindi non abbiamo ancora niente da annunciare “

 

Ricordiamo che Latitude è disponibile per l’iPhone a partire dal luglio dello scorso anno – ma è disponibile solo come un’app HTML5, non come un’applicazione nativa. Questo la rende piuttosto inutile dal momento che si dovrebbe tenere il browser web aperto tutto il tempo su questa pagina di Latitude in modo tale da poter lavorare sulla rete.

14brawl_1-popup_1Allora ci si domanda: perché Google non rilascia un’applicazione nativa?

Bene, la risposta ovvia pare essere che non c’è  la possibilità di aggiornare la propria posizione in background su iPhone. Ma sembrerebbe più complicato di cosi.

 
Già nel mese di luglio, Google aveva effettivamente fatto notare il perchè voleva fare un’app nativa di Latitude piuttosto che una versione web:

”Abbiamo lavorato a stretto contatto con Apple per portare Latitude sull’iPhone considerando come meglio voleva Apple per i propri utenti. Dopo aver sviluppato un’applicazione di Latitude per iPhone, Apple ha chiesto di rilasciare Latitude come un’applicazione web, al fine di evitare confusione con Maps su iPhone. Tutto questo appare molto strano, perchè non è la sola applicazione ad usare le Mappe.”

Allo stesso modo Apple ha respinto l’applicazione Google Voice per il fatto che avrebbe confuso gli utenti iPhone.
Latitude non è altro che una delle tante piccole battaglie tra le due società.
Per farla breve, anche se Google vuole sviluppare, come dice di aver già fatto, un’app nativa di Latitude per iPhone, Apple potrà o meno decidere di inserirla.

Sorge spontanea l’ultima domanda, perchè cosi tanto ostracismo?

Esponete la vostra opinione.

Nicola Sguera

Appassionato di tecnologia e cellulari. Esperto del mondo Android e co-fondatore del sito web.

More Posts

Follow Me:
TwitterGoogle Plus

  • mah, su Voice lo capisco pure per questione di accordi con at&t ect ma con latiude non vedo proprio il motivo. Poi che vuol dire confondo gli utenti, ma chi usa iPhone è davvero così idiota da non distinguere due applicazioni?…capisco pensare alla facilità d'uso ma questa scusa è dimostrazione di cosa pensa apple dei suoi utenti, che sono tutti bambini che non sanno fare nulla e meno fanno e più tutti sono felici.
    Alla fine poi se approva latitude, la scelta di installarlo o meno è sempre dell'utente, quindi chi lo installa si presume che sa cosa fa…

  • risposta all'unica domanda: mi sa di si!

Forum Android
Diventa un blogger, scrivi un articolo