AndroidLab

Il Laboratorio Italiano Android e Google Chrome

Il problema del consumo delle batterie dei nostri smartphone è  uno dei maggiori problemi legati alla scelta dello stesso.  Questo problema è legato non solo al normale consumo del telefono, ma anche alle applicazioni che scarichiamo e installiamo sui nostri device. 

Notizia di queste ore è che secondo uno studio dell’ Università statunitense di Purdue la durata della batteria diminuisce se sul nostro smartphone sono installate applicazioni gratuite rispetto alle versione a pagamento. I motivi sono vari ma principalmente possiamo esaminarne due:

1. la presenza di banner

2. la pesantezza e scarsa ottimizzazione dei codici sorgente delle app gratuite

Non prendete come riferimento solo queste 2 variabili, molte altre funzioni presenti sui nostri device come il wireless, il gps o l’ eccessiva luminosità degli schermi possono trasformarsi da funzioni accessorie in veri e propri divoratori di batterie.

Come limitare i danni e risparmiare la batteria?

Da possessore di un fantastico HTC Dream in passato ho avuto molto bisogno di avere una batteria che durasse almeno 5/6 ore. Ecco qualche consiglio che vi permetterà di agire su diversi parametri dal nostro device android:

  1. abilitare il controllo automatico della luminosità (oppure diminuiamola manualmente)
  2. disabilitare l’ auto-sync o il background sync dei dati
  3. spegnere il wi-fi se non utlizzato così come GPS e Bluetooth.
  4. utilizzare solo reti 2G
  5. aumentare il tempo di recupero della posta elettronica o delle notifiche dei social network.
  6. diminuire il timeout dello schermo
  7. tenere il telefono lontano da fonti di calore.
  8. preferite gli sfondi fissi ai live wallpaper

Per ultimo vi ricordo di non far scaricare completamente la batteria, ma caricatela quando siete con un 10/20% di carica residua ed evitate i rabbocchi continui. E per tutte le domande o chiarimenti potete consultare il nostro forum

micho

Micho classe '83, grafico e webdesigner. La sua passione per l'informatica comincia da bambino con il suo Amstrad CPC 464 ed il ben più noto C64. Da allora non ha più finito di amarla. Si avvicina ad Android grazie al suo "guru" Kaffeine. E' stato anche speaker radiofonico. Ha una fissa per la musica anni '80.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedIn

Forum Android
Diventa un blogger, scrivi un articolo